Progetti

Progetto conservazione e selezione della popolazione del comprensorio delle Alpi Apuane

Dal 2005 in maniera indipendente Sergio Giannini e Gabriele Pucciarelli, due appassionati di zootecnia, iniziarono una ricerca sul territorio apuano individuando la presenza costante di cani lupoidi con caratteristiche simili, adibiti alla conduzione di greggi  ovicaprini presenti e transumanti nelle Alpi Apuane e nelle valli circostanti. Questi soggetti non erano riconducibili alle razze canine da pastore presenti negli standard nazionali ed internazionali. Dalle ricerche bibliografiche, fotografiche d’archivio e dalle interviste emergeva che si trattava di cani tipici del territorio presenti nella zona a memoria d’uomo.

Questa popolazione canina è sopravvissuta  attraversando i secoli, conservando le proprie peculiarità e resistenza fino ai giorni nostri, il rarefarsi della pastorizia, che si è occupata della riproduzione di questi soggetti per motivi di utilità, comporta il forte rischio di perdita definitiva di questa biodiversità.

Abbiamo deciso di percorrere la via  zootecnica  alla conservazione escludendo la via cinotecnica e riconoscimenti cinofili ufficiali.

Il progetto si definisce in 8 punti ed è all’ottavo anno di attività:

1) Ricerca storica sulla popolazione canina del  comprensorio delle Alpi Apuane
Avviata nel 2005 e attualmente in corso
2) Ricerca sul territorio rilievi fotografici, censimento dei soggetti autoctoni
Avviata nel 2005 e attualmente in corso
3) Individuazione dei capostipiti da impiegare nel progetto di riproduzione conservativa
Avviata nel 2005 e attualmente in corso
4) Analisi del DNA della popolazione canina
Avviata nel 2013 con il supporto delle Università di Milano e Bologna
5) Istituzione di un libro geneologico privato
6) Conservazione sperma per recupero variabilità
7) Adozione di un Disciplinare di riproduzione conservativa
8) Affidamento soggetti ad allevatori custodi,utilizzatori agricoli e sportivi
9) Partecipazione e organizzazione eventi divulgativi pubblici